GUARDIACIVICA FA INFLIGGERE MULTA A TELEPASS

Alla fine l’Antitrust ci ha dovuto dare ragione definendo una multa di 200 mila euro a Telepass per avere attivato il nuovo servizio di assistenza Opzione Premium sull’intera viabilità stradale, raddoppiando il canone, senza richiedere preventivamente il consenso dei consumatori. La sanzione irrogata ha tenuto conto del fatto che Telepass, a partire da dicembre, attuerà un meccanismo di opt-in, tale da permettere una scelta consapevole dei consumatori circa l’attivazione del nuovo servizio.

Annunci

Energia: gli operatori che hanno avuto marginalità sospette sono:

E’ stato riscontrato un aumento record del 795% dei margini del 2015 e del trimestre marzo-giugno 2016 nella centrale di Brindisi e del 238% a Fiumesanto, ma anche altri operatori.

1) ENEL Produzione SpA con un maggior margine tra gennaio e giugno di oltre 468 mln euro;
2) EPH Produzione SpA con un maggior margine tra gennaio e giugno di circa 160 mln euro;
3) Sorgenia SpA con un maggior margine tra gennaio e giugno di circa 117 mln euro;
4) Edison Trading SpA con un maggior margine tra gennaio e giugno di circa 64 mln euro;
5) Tirreno Power SpA con un maggior margine tra gennaio e giugno di circa 56 mln euro;
6) SET SpA con un maggior margine tra gennaio e giugno di circa 34 mln euro;
7) GDF SUEZ Energia Italia SpA con un maggior margine tra gennaio e giugno di circa 29 mln euro.
E sulle centrali con maggior profitto:
1) Centrale di Brindisi di Enel, gruppi 3 e 4;
2) Centrale Fiumesanto di EPH, gruppi 3 e 4;
3) Centrale di Modugno di Sorgenia;
4)Centrale del Sulcis di Enel.

Energia: sono molte le Aziende che hanno marginalizzato sulle bollette dei consumatori

Finalmente, in merito agli extra costi del dispacciamento e alle pratiche commerciali scorrette di specifiche aziende, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha disposto l’avvio di due procedenti istruttori, uno nei confronti di Enel, l’altro di Sorgenia, per far luce sulla questione.

A noi risulta che sono spariti circa un miliardo di euro, e per questo motivo chiediamo agli inquirenti di fare chiarezza e stabilire quali aziende hanno marginalizzato il dispacciamento.
L’Antitrust ha ora dato avvio ad un’istruttoria contro questi operatori, proprio perché essi avrebbero violato la normativa sulla concorrenza gonfiando clamorosamente i prezzi di vendita a Terna nei servizi di accensioni degli impianti. Sembrerebbe che Enel e Sorgenia, hanno applicato prezzi eccessivamente gravosi per gli impianti situati nell’area di Brindisi nel corso del trimestre marzo-giugno 2016.

Salva Banche

Salva Banche –  Ci sono due diverse procedure di indennizzo per gli  investitori che hanno acquistato strumenti finanziari subordinati emessi dalle quattro banche in liquidazione (Banca Marche, Banca Etruria, Cassa di risparmio di Chieti e Cassa di Risparmio di Ferrara). Le procedure sono alternative all’avvio di una causa giudiziale civile con la quale far valere la violazione dei doveri di condotta della banca che ha venduto tali titoli oggi azzerati. Avvertiamo che le procedure riguardano solo gli obbligazionisti subordinati e non gli azionisti per i quali è prevista solo l’ordinaria azione civile. Si possono chiedere chiarimenti ed informazioni scrivendo a info@guardiacivica.it.

Italia come la Grecia

Italia come la Grecia: manca reddito minimo
Secondo la Caritas, “la presenza quantitativamente significativa dell’indigenza tocca oggi l’intera società italiana e non è più circoscritta solo ad alcune sue componenti”. Nonostante ciò il nostro Paese resta l’unico in Europa insieme alla Grecia ancora privo di una misura nazionale universalistica contro la povertà assoluta rivolta a chiunque si trovi in questa condizione

Le banche falliscono ma i risparmiatori non hanno tutele

Un richiamo al Governo !! – È passato un anno dal “salvataggio” delle 4 banche e dall’azzeramento degli averi dei risparmiatori. Inoltre sono trascorsi sei mesi dal relativo decreto. Nonostante tutto questo tempo, ancora i risparmiatori non possono avviare l’arbitrato. Una situazione intollerabile, fatta di ritardi, mancanze ed errori. Il Consiglio di Stato ha rinviato il parere in attesa di alcuni chiarimenti da parte del Tesoro. E la gente viene lasciata nella disperazione.

Attenzione ad Enel

In questi mesi Enel dovrebbe iniziare la sostituzione dei contatori in 32 milioni di case. I contatori elettrici di prima generazione, ossia quelli installati a partire dal 2001 e che hanno una vita utile di 15 anni, saranno sostituiti da contatori di seconda generazione del sistema di telegestione. Ma, attenzione, perché vogliono sostituire anche quelli che sono stati installati fino al 2012, quindi che finirebbero il loro corso di vita nel 2027. Fate passa parola.

Prudenza nell’investire i propri risparmi

Per i risparmiatori ed i piccoli investitori – Il quantitative easing andra’ avanti fino alla fine di marzo o oltre se necessario. Lo afferma il presidente della Bce, Mario Draghi. La ripresa economica dell’area euro procede moderata e la Bce ”agirà con tutti gli strumenti disponibili nell’ambito del suo mandato” se necessario. ”La politica monetaria dell’area euro offre l’impeto necessario alla ripresa dell’area euro per rafforzarsi e all’inflazione per tornare gradualmente ai livelli in linea con il nostro obiettivo”. Secondo GUARDIACIVICA però questo vuol dire poco. I rischi attuali ad operare nele borse Europee sono enormi. Si raccomanda prudenza !!

Informazione ai pensionati

GUARDIACIVICA – Informazione ai Pensionati – Nel dicembre 2011, il Governo ha azzerato il meccanismo di adeguamento automatico delle pensioni superiori al triplo del minimo Inps (Manovra Salva Italia) e quindi coloro che sono andati in pensione prima del 31.12.2011 (per 2 scatti di perequazione automatica) e prima del 31.12.2012 (per 1 scatto di perequazione automatica) e hanno percepito un importo della pensione per il 2012 superiore a € 1.405,05 lordi (pari a circa €. 1.088,00 netti) e per il 2013 superiore a €. 1.443,00 lordi (pari a circa €. 1.117,00 netti), possono ottenere il ricalcolo della pensione e il rimborso di quanto non percepito.