Richiesta di parere. Indagine conoscitiva sul sistema “CONAI – Consorzi di Filiera – Piattaforme Rifiuti”

Egr. Sig. Sindaco, Funzionario, Responsabile di settore

OGGETTO: Richiesta di parere. Indagine conoscitiva sul sistema “CONAI – Consorzi di Filiera – Piattaforme Rifiuti”

Guardiacivica, avendo avviato un osservatorio nazionale sui Rifiuti, si è resa conto che il Sistema “CONAI -Consorzi di filiera – Piattaforme di raccolta dei rifiuti da imballaggi” sta creando da tempo moltissimi problemi operativi ai Comuni Italiani.

L’accordo quadro ANCI-CONAI per il periodo 2014-2019 fissa l’entità dei maggiori oneri per la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio da versare alle competenti pubbliche amministrazioni, determinati secondo criteri di efficienza, economicità e trasparenza di gestione del servizio medesimo.

GUARDIACIVICA ricorda che i proprietari dei Rifiuti prodotti nei rispettivi territori sono esclusivamente i Comuni, ed a questi vanno versate le corrispondenti somme all’atto del conferimento ai Consorzi di filiera (RICREA – CIAL – COMIECO – RILEGNO – COREPLA – COREVE).

GUARDIACIVICA, all’interno del progetto nazionale “Rifiuti, Legalità e Lavoro” (vedi su guardiacivica.it), fissa tra le finalità la creazione di posti di lavoro ed il rientro di risorse finanziarie nei bilanci Comunali , finalità che rischiano di essere disattese in mancanza di un piano strategico serio da parte di Anci, Conai, Consorzi di filiera e Piattaforme, che abbia a cuore le sorti delle comunità locali.

Per questi motivi stiamo chiedendo a Sindaci, Funzionari, Responsabili dei servizi, di esprimere una propria valutazione dei rapporti che il proprio Comune di appartenenza è riuscito ad instaurare con i suddetti Enti ( Conai, Consorzi di filiera e Piattaforme di gestione dei rifiuti da imballaggi).

Il parere può essere trasmesso tramite semplice mail all’indirizzo: info@guardiacivica.it

 

Annunci

Richiesta di partecipazione al progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro”

OGGETTO: richiesta di partecipazione al progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro” (http://guardiacivica.it/sito/documenti/rifiuti_legalita_lavoro.pdf)

Guardiacivica, dopo aver fatto realizzare la prima Compostiera di Comunità specifica per i Comuni Italiani, e sempre per le finalità del progetto indicato in Oggetto, sta aggiungendo al progetto stesso la raccolta e lo smaltimento di altri materiali come vetro, plastica, alluminio, carta, attrezzature elettroniche e quant’altro.

Per tenere fede alle finalità del progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro”, Guardiacivica ha deciso di intervenire  promuovendo all’interno di ogni Comune la creazione di cooperative o associazioni costituite da Cittadini che volessero dedicarsi ad attività collegate alla gestione dei rifiuti come quella della selezione dei materiali raccolti. I Comuni poi, attraverso i propri “lavoratori”, cureranno ogni rapporto direttamente con gli Enti Riciclatori.

Non si esclude la possibilità che possano essere anche le cooperative o associazioni di lavoro a volere intrattenere i rapporti con gli Enti Riciclatori. Naturalmente Guardiacivica seguirà  ogni rapporto per la dovuta tutela operativa di tutte le parti interessate.

Guardiacivica ha affidato ogni attività diretta alla creazione dei rapporti eventuali e futuri con gli Enti Riciclatori al circuito dimmidove che cura la realizzazione di ogni progetto collegato

 

 

LE FINALITA’ del Progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro”
e del Programma “Adotta un Comune”:

– Ridurre l’utilizzo delle discariche per il deposito di rifiuti organici in adesione alla Direttiva Europea 1999/31/CE (recepita dal D.Lgs. 36/2003)
– Creare posti di lavoro per disoccupati, svantaggiati, esodati

– Combattere le dipendenze da droga, fumo, gioco, alcool
– Avviare le famiglie meno abbienti ad una vita più dignitosa
– Contrastare l’usura
– Frenare lo spopolamento dei piccoli Comuni
– Ristabilire la Legalità nei rapporti tra le aziende di raccolta ed i Comuni
– Diminuire le emissioni nocive all’ambiente
– Realizzare risparmi di Bilancio per i Comuni

 

COMUNI: proposta di associazione a GUARDIACIVICA

L’ECONOMIA ITALIANA DEVE RIPARTIRE DAI COMUNI

Per una redistribuzione equa delle risorse economiche

OGGETTO: proposta di associazione a GUARDIACIVICA per la partecipazione “gratuita” ai progetti di assistenza e sviluppo dei territori locali

 FONDI: tutte le risorse per i progetti di sviluppo e marketing territoriale sono procurati dai fundraiser di Guardiacivica con il metodo delle “sponsorizzazioni”, da sempre raccomandato dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

 Secondo GUARDIACIVICA nessuna ripresa è possibile se non si pensa ad un sistema per la redistribuzione delle risorse economiche attraverso i territori locali e, quindi, attraverso i singoli Comuni Italiani. Occorre urgentemente porre in essere sistemi di marketing territoriale a favore dei Comuni che possano poi girare i servizi stessi alla propria comunità economica e sociale.

I progetti in corso per i COMUNI Italiani (tutti finalizzati alla creazione di economie per l’Ente e Lavoro per i Cittadini)
1. Progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro”. Il Compostaggio di Comunità per lo smaltimento della frazione umida dei rifiuti.
2. Isole ecologiche

Per i COMUNI associati

  1. Iscrizione “gratuita” per tutti i Cittadini al servizio “info point” di Guardiacivica
  2. Partecipazione “gratuita” ai progetti di Guardiacivica
  3. Adesione “gratuita” al progetto di marketing territoriale nazionale denominato “adotta un Comune
  4. Adesione gratuita da parte delle imprese del territorio ai servizi di promozione del circuito dimmidove
  5. Servizio info Point su leggi, decreti, iniziative parlamentari
  6. Info sulle “buone pratiche” degli altri Comuni Italiani per lo sviluppo di nuove idee
  7. Convegni, seminari e conferenze organizzati presso il Comune su problematiche diverse
  8. Progetti attualmente in fase di studio di cui si darà notizia nel prosieguo

GUARDIACIVICA da molto tempo si batte per la salvaguardia delle funzioni dei piccoli Comuni, delle unioni di Comuni e degli Enti Locali in generale, da sempre convinta che la difesa dei diritti dei Cittadini Utenti Consumatori debba passare in maniera imprenscindibile dal sostegno e da una organizzazione ottimale degli Enti stessi, che rappresentano senza alcun dubbio l’unico volano possibile non solo per una ripresa a breve di tutta l’economia Italiana ma anche per una futura promozione stabile dei territori, delle tipicità, delle imprese, della cultura, del turismo e dell’ambiente.

Gli scopi dell’azione di GUARDIACIVICA a favore dei COMUNI Italiani

  1. Aumentare la ricchezza delle popolazioni locali
  2. Frenare lo spopolamento dei piccoli Comuni
  3. Rendere produttive unità abitative non utilizzate per il sistema Italiano dell’Albergo diffuso
  4. Creare lavoro per i giovani
  5. Animare il territorio
  6. Promuovere le produzioni tipiche, l’artigianato, l’accoglienza, la cultura, la natura e l’ambiente espressi dai territori locali
  7. Incoraggiare le nuove generazioni a fare impresa nei luoghi d’origine operando in rete con le altre Regioni Italiane e con l’estero
  8. Promuovere “l’Italianità”

 Le istanze su cui GUARDIACIVICA sta lavorando presso le Istituzioni

  1. Allentamento del patto di stabilità
  2. Maggiori risorse per i COMUNI
  3. Reddito minimo garantito per le famiglie

 

Progetti scritti da GUARDIACIVICA ed in fase di realizzazione da parte del circuito dimmidove

  1. Valorizzazione dell’accoglienza e dell’Albergo diffuso
  2. Promozione delle Imprese locali
  3. Partecipazione a piani di marketing territoriale Italiano
  4. Rilancio del Centro Commerciale e Culturale Cittadino
  5. Promozione delle imprese locali all’estero
  6. Marketing Territoriale avanzato con messa in rete di Amministrazioni Locali, Operatori economici, Agricoltori e Produttori, Cittadini, operatori della cultura e del tempo libero
  7. Messa in relazione, tra esse, di tutte le Regioni Italiane
  8. Creazione di contatti Commerciali tra gli operatori delle diverse Regioni Italiane
  9. Incoming Turistico a favore delle strutture presenti nel territorio Comunale

Novità – Progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro” – Compostaggio di comunità !

Riguardo al problema della difficoltà ad acquistare l’impianto di compostaggio da parte di molti Comuni, rendiamo noto che il progetto generale è stato modificato ed arricchito di ipotesi nuove di acquisizione tra le quali si potrebbero trovare le giuste modalità per la realizzazione del programma di compostaggio di comunità per lo smaltimento della frazione umida dei rifiuti urbani.

Il nuovo progetto è già stato pubblicato sul portale di Guardiacivica  (www.guardiacivica.it).
Ad ogni modo riportiamo qui di seguito la sezione di interesse:

Le ipotesi di realizzazione del progetto

IPOTESI I (acquisto diretto del Comune)

Il Comune acquista direttamente la compostiera elettromeccanica se nei propri bilanci sono presenti le possibili poste finanziarie utilizzabili allo scopo. Attualmente questa ipotesi si sta rivelando la più difficile da attuare in quanto:
a) I Comuni non possono materialmente pagare gli impianti se non a rate mensili o bimensili o trimestrali per un certo numero di anni. Questo a causa del fatto che la legge sugli Enti Locali impone loro di non utilizzare eventuali riserve e di non intaccare il famigerato sistema del patto di stabilità

  1. b) In Italia le banche non finanziano in alcun modo i Comuni
  2. c) L’azienda che produce la compostiera generalmente non ha la possibilità di effettuare forniture con qualsiasi rateizzazione tramite leasing o noleggio a lungo termine
  3. d) Guardiacivica non può e non deve bloccare il progetto nemmeno in presenza delle sopra menzionate cause

IPOTESI II (Viene costituita una cooperativa di lavoro nel territorio Comunale)
– Il Comune incarica la cooperativa della raccolta e del compostaggio della frazione organica dei RSU

– La cooperativa acquista la compostiera con capitali propri

– La cooperativa effettua il servizio di raccolta e compostaggio utilizzando direttamente la propria compostiera
– Si crea un considerevole risparmio di spesa di cui il Comune potrà beneficiarsi studiandone il riutilizzo

– La Cooperativa effettua la raccolta del compost in uscita per la vendita o il riutilizzo nelle aree verdi della città

– La Cooperativa viene associata a Guardiacivica per la gestione centralizzata di progetti e consulenze

IPOTESI III (Azienda: acquisto, raccolta e smaltimento)

Guardiacivica chiede al Sindaco di indicare Aziende presenti sul territorio a cui proporre l’acquisto della compostiera per la conseguente attività di smaltimento dei rifiuti ed il relativo compostaggio. Il Comune poi viene indirizzato ad affidare il servizio all’azienda stessa. Tutti gli atti vengono predisposti dall’ufficio studi di Guardiacivica.

IPOTESI IV (Azienda e privato: noleggio a lungo termine)

Guardiacivica cerca sul territorio, con l’aiuto del Sindaco, un’Azienda o un Privato investitore disposto ad acquistare la compostiera per poi concederla in noleggio a lungo termine al Comune

Ricordiamo le finalità del Progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro”
– Ridurre l’utilizzo delle discariche per il deposito di rifiuti organici in adesione alla Direttiva Europea 1999/31/CE (recepita dal D.Lgs. 36/2003)
– Creare posti di lavoro per disoccupati, svantaggiati, esodati
– Combattere le dipendenze da droga, fumo, gioco, alcool
– Avviare le famiglie meno abbienti ad una vita più dignitosa
– Contrastare l’usura
– Frenare lo spopolamento dei piccoli Comuni
– Ristabilire la Legalità nei rapporti tra le aziende di raccolta ed i Comuni
– Diminuire le emissioni nocive all’ambiente

I Rifiuti come risorsa per creare lavoro

Progetto per la diminuzione dei conferimenti di umido in discarica, creazione di posti di lavoro sul territorio, difesa dell’ambiente e produzione di considerevoli risparmi sul bilancio

GUARDIACIVICA, all’interno del progetto “Adotta un Comune” e in stretta collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, interviene presso gli Enti Locali Italiani per agevolare il rispetto della Direttiva 1999/31/CE (recepita dal D.Lgs. 36/2003) con la quale l’Unione Europea ha imposto una drastica riduzione dell’utilizzo delle discariche per il deposito di rifiuti organici, al fine di evitare la produzione e il rilascio di percolato e metano nell’ambiente. La direttiva prevede che il deposito di rifiuti organici in discarica debba ridursi del 65% entro 15 anni dal recepimento della stessa e, per tale ragione, indica il compostaggio e il riciclo come modalità primarie di smaltimento dei rifiuti.

Il progetto di Guardiacivica supera la programmazione della Commissione Europea e punta a raggiungere l’obiettivo di “Organico zero“.

SINTESI DEL PROGETTO

– GUARDIACIVICA incarica aziende Italiane specializzate alla produzione delle compostiere
– Viene costituita una cooperativa di lavoro nel territorio Comunale
– Il Comune incarica la cooperativa della raccolta e del compostaggio della frazione organica dei RSU
– La cooperativa acquista la compostiera fatta realizzare in Italia da Guardiacivica
– La cooperativa effettua il servizio di raccolta e compostaggio utilizzando direttamente la propria compostiera
– Il Comune destina alla cooperativa circa il 70% del costo annuale destinato alla raccolta ed al conferimento dei rifiuti organici
– Si crea un risparmio di spesa del 30% circa che il Comune potrà utilizzare per iniziative diverse
– La Cooperativa effettua la raccolta del compost in uscita per il riutilizzo nelle aree verdi della città
– La Cooperativa viene associata a Guardiacivica per la gestione centralizzata di progetti e consulenze

LE FINALITA’:

1 – Ridurre l’utilizzo delle discariche per il deposito di rifiuti organici in adesione alla Direttiva Europea 1999/31/CE (recepita dal D.Lgs. 36/2003)
2 – Creare posti di lavoro
3 – Diminuire emissioni nocive all’ambiente
4 – Realizzare risparmi di Bilancio

Costituzione di Cooperative di lavoro o Cooperative Sociali: la costituzione di una cooperativa di lavoro (o sociale) nel territorio Comunale rientra nelle finalità del progetto “Adotta un Comune” nella parte in cui GUARDIACIVICA tende a creare lavoro per i residenti. La tipologia di cooperativa da costituire viene decisa insieme all’Amministrazione Comunale. La Cooperativa sarà associata a Guardiacivica.

LA COOPERATIVA

– riceve incarico dal Comune per occuparsi della raccolta dei rifiuti organici
– fornisce la compostiera (acquistata esclusivamente da aziende verificate da Guardiacivica)
– effettua la raccolta domiciliare
– conferisce i rifiuti organici nella compostiera
– separa il compost prodotto
– si occupa del riutilizzo del compost presso le aree verdi del Comune
– partecipa ai progetti proposti da GUARDIACIVICA
– riceve assistenza legale, tecnica ed amministrativa da GUARDIACIVICA
– riceve formazione continua
– partecipa al circuito Nazionale delle cooperative Associate a GUARDIACIVICA

L’uffico studi e ricerche di Guardiacivica

 GUARDIACIVICA annuncia l’avvio dell’Ufficio Studi, Ricerche e Progettazioni per i Comuni Italiani associati. L’iniziativa si inquadra all’interno del progetto di marketing territoriale “Adotta un Comune” scritto da Guardiacivica per la realizzazione da parte del circuito dimmidove.

La generale carenza di informazione sulle opportunità di finanziamento e la mancanza di conoscenza dei giusti canali di accesso, fanno sì che molti finanziamenti rimangano addirittura inutilizzati; lo sviluppo del processo di integrazione europea, invece, richiede agli Enti Locali, considerata l’attuale insufficienza delle risorse disponibili, una conoscenza sempre più approfondita delle agevolazioni e dei contributi messi a disposizione dall’Unione Europea, nonché un’accresciuta capacità di elaborare progetti innovativi ed efficaci.

 

GuardiaCivica ha istituito l’ufficio Studi, Ricerche e Progettazioni per offrire ai Sindaci ed ai Dirigenti degli Enti Locali una struttura operativa diretta a:

  1. informare in modo tempestivo ed efficace le Pubbliche Amministrazioni Locali sulle opportunità di sviluppo del proprio territorio
  2. progettare le relative azioni di partecipazione ai relativi bandi Regionale, Nazionali ed Europei

<>  Si ricorda che “Adotta un Comune” è un Network di servizi che i Sindaci girano gratuitamente alle proprie comunità economico-sociali ed è finanziato mediante il sistema delle Sponsorizzazioni, da sempre raccomandato dalla Funzione Pubblica.

<>  Per i Comuni che non hanno ancora aderito al progetto “Adotta un Comune” si raccomanda di visionare il portale www.adottauncomune.it oppure quello dell’Associazione www.guardiacivica.it per il prelievo di ogni informazione a riguardo.

<> L’Ufficio Studi, Ricerche e Progettazioni è già disponibile per i Comuni associati ed è raggiungibile all’interno del portale di Guardiacivica (www.guardiacivica.it)

Il progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro”. Le finalità !

GUARDIACIVICA, all’interno del progetto “Adotta un Comune” e in stretta collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, interviene presso gli Enti Locali Italiani per agevolare il rispetto della Direttiva 1999/31/CE (recepita dal D.Lgs. 36/2003) con la quale l’Unione Europea ha imposto una drastica riduzione dell’utilizzo delle discariche per il deposito di rifiuti organici, al fine di evitare la produzione e il rilascio di percolato e metano nell’ambiente. La direttiva prevede che il deposito di rifiuti organici in discarica debba ridursi del 65% entro 15 anni dal recepimento della stessa e, per tale ragione, indica il compostaggio e il riciclo come modalità primarie di smaltimento dei rifiuti. Il progetto di Guardiacivica supera la programmazione della Commissione Europea e punta a raggiungere l’obiettivo di “Organico zero”.
LE FINALITA’ del Progetto “Rifiuti, Legalità e Lavoro” e del Programma “Adotta un Comune”:
– Ridurre l’utilizzo delle discariche per il deposito di rifiuti organici in adesione alla Direttiva Europea 1999/31/CE (recepita dal D.Lgs. 36/2003)
– Creare posti di lavoro per disoccupati, svantaggiati, esodati
– Combattere le dipendenze da droga, fumo, gioco, alcool
– Avviare le famiglie meno abbienti ad una vita più dignitosa
– Contrastare l’usura
– Frenare lo spopolamento dei piccoli Comuni
– Ristabilire la Legalità nei rapporti tra le aziende di raccolta ed i Comuni
– Diminuire le emissioni nocive all’ambiente
– Realizzare risparmi di Bilancio per i Comuni
GUARDIACIVICA è impegnata in tutta Italia a combattere la disoccupazione che è la madre di tutte le problematiche e da cui discendono povertà, illegalità, dipendenze, usura e disagi di ogni genere.

Si possono inviare commenti, pareri e suggerimenti a: info@guardiacivica.it