Piano di transizione 4.0

E’ stato registrato dalla Corte dei Conti ed è in corso di pubblicazione in Gazzetta ufficiale il decreto attuativo del Piano Transizione 4.0 firmato dal Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli. Il decreto disciplina le numerose novità introdotte nella legge di bilancio 2020 per incentivare e supportare la competitività delle nostre imprese e valorizzare il Made in Italy. L’obiettivo del Piano Transizione 4.0 è quello di avviare una nuova politica industriale del Paese che sia in grado di sostenere una veloce ripresa dell’economia dopo l’emergenza Covid.

Con il Piano saranno, infatti, mobilitati 7 miliardi di euro di risorse per le imprese che maggiormente punteranno sull’innovazione, gli investimenti green, in ricerca e sviluppo, in attività di design e innovazione estetica, sulla formazione 4.0. Si tratta di ambiti nei quali sarà sempre più fondamentale investire nei prossimi anni per favorire il processo di transizione digitale del nostro sistema produttivo, anche nell’ambito dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale, e accrescere le competenze tecnologiche dei lavoratori.

Piano scuola 2020-2021

“A settembre si torna a scuola in presenza e in sicurezza” lo ha detto oggi la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, presentando le Linee guida per la ripresa insieme al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il testo ha avuto il via libera, questo pomeriggio, anche da parte delle Regioni e degli Enti locali, è immediatamente operativo e verrà ora diramato alle istituzioni scolastiche. “Le Linee guida sono il frutto di un lungo confronto e di una condivisione con gli attori del mondo della scuola, comprese famiglie e studenti, con le Regioni, gli Enti locali, e ci consentono di fare un lavoro che non guarda solo alla riapertura, ma anche al futuro della scuola. Abbiamo le risorse economiche, gli strumenti, possiamo far sì che la ripartenza sia anche volano di innovazione”, ha aggiunto la Ministra.

Iscrizione al gruppo Facebook “GUARDIACIVICA: difesa dei Diritti dei Cittadini Utenti Consumatori”

Invito ad iscriversi al gruppo Facebook “GUARDIACIVICA: difesa dei Diritti dei Cittadini Utenti Consumatori” Guardiacivica è un’Associazione per la difesa dei diritti dei Cittadini-Utenti-Consumatori, non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di Assistenza, Informazione, Educazione ed Orientamento ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato

Il DPCM dell’ 11 giugno. Riaperture.

Il DPCM dell’ 11 giugno che autorizza la ripresa di ulteriori attività a partire dal 15 giugno 2020 Le disposizioni del decreto si applicano dalla data del 15 giugno 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 17 maggio 2020 e sono efficaci fino al 14 luglio 2020. ** Le regole generali rimangono il distanziamento sociale e la mascherina da indossare in caso di assembramenti ** Le linee guida del 9 giugno della conferenza delle Regioni rimangono valide ** Nella sezione “Documenti” è presente il testo del dpcm 11 giugno

COVID 19 – La fase tre !

Via libera alla riapertura di cinema, teatri e discoteche con le Regioni che potranno dettare le regole a riguardo. Ci sono comunque delle linee guida che valgono per tutti, come ad esempio quelle che limitano la presenza di persone ai suddetti eventi. Dal prossimo lunedì ci sarà anche la riapertura dei centri benessere, per i quali però sono state previste regole molto severe. In questo caso la distanza da rispettare sarà di due metri e non si potranno utilizzare gli ambienti caldi e umidi come ad esempio la sauna. A questa si potrà comunque accedere previa prenotazione e ad utilizzo esclusivo. Negli spogliatoi sarà però sufficiente il metro di distanza. Riprendono anche congressi e fiere, che però dovranno rispettare le regole sul distanziamento. Questi eventi, quindi, dovranno essere organizzati tenendo in considerazione la capienza degli spazi scelti, mentre gli utenti e il personale addetto all’assistenza sarà obbligato ad indossare la mascherina. Via libera, in sicurezza, anche alle prove dei concorsi pubblici.

MES fondo salva-stati

E’ un’organizzazione internazionale nata come fondo finanziario europeo per la stabilità finanziaria della zona euro. Viene regolato dalla legislazione internazionale e ha sede in Lussemburgo. I Consumatori sono preoccupati per la possibilità della “ristrutturazione del debito Pubblico” da parte dell’Italia