Un aiuto ai comuni salernitani per accedere a finanziamenti europei

Presentato il 18 novembre 2019 nel salone azzurro della prefettura di Salerno il progetto, finanziato nell’ambito di attuazione del Programma Operativo Nazionale “Legalità” 2014-2020, rivolto in particolare ai comuni commissariati, comuni che versano in dissesto o pre-dissesto finanziario, comuni di piccole dimensione con carenze di organico.

Il progetto punta a supportare i comuni nello scouting dei fondi europei e consentirà di assicurare loro, per mezzo di una task force di esperti, servizi di consulenza e supporto specialistico nell’individuazione di opportunità di finanziamento nell’ambito dei Programmi cofinanziati con i fondi della Politica di Coesione. L’iniziativa supporterà gli enti non solo nella ricerca delle risorse finanziarie, ma anche nelle successive fasi di predisposizione delle proposte progettuali e nella gestione di progetti già finanziati.

Prevista inoltre un’attività di aiuto e informazione rivolta a tutti i comuni della provincia, per garantire un’azione coordinata su tutto il territorio, finalizzata alla ricerca e all’accesso alle fonti di finanziamento, con particolare riferimento al tema della sicurezza e della legalità.

Contributi per l’acquisto di apparati televisivi con tecnologia DVB-T2

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 18 ottobre 2019 Modalita’ per l’erogazione dei contributi in favore dei consumatori finali per l’acquisto di apparati televisivi idonei alla ricezione dei programmi con le nuove tecnologie trasmissive DVB-T2. (19A07234)  (GU n.270 del 18-11-2019)

Il contributo e’ riconosciuto ai residenti nel territorio dello
Stato appartenenti a nuclei familiari per i quali il valore
dell’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE),
risultante da una dichiarazione sostitutiva unica (DSU) in corso di
validita’, non e’ superiore a 20.000 euro.

Il contributo e’ riconosciuto all’utente finale sotto forma di
sconto praticato dal venditore dell’apparecchio sul relativo prezzo
di vendita, per un importo pari a cinquanta euro o pari al prezzo di
vendita se inferiore. Lo sconto e’ applicato sul prezzo finale di
vendita comprensivo dell’imposta sul valore aggiunto e non riduce la
base imponibile dell’imposta.

TELEFONIA, bollette a 28 giorni. Guardiacivica diffida le compagnie telefoniche

Inviato formale diffida a Fastweb, TIM, Vodafone e WindTre.  Le compagnie telefoniche hanno eroso, nel tempo, giorni e giorni di costi-consumi, fatturando questi a 28 giori.
Gli accordi precedenti, per il rimborso da parte delle compagnie ai Consumatori Utenti, non sono stati rispettati ed oggi siamo ancora tutti in attesa che questo avvenga.

I rimborsi sarebbero dovuti essere riconosciuti in maniera automatica e la soluzione al problema oggi sembra ancora lontana

Le compagnie chiedono ai clienti di presentare una specifica richiesta, oppure offrono servizi alternativi per compensare. Questo vuol dire che stanno cercando vie alternative per la soluzione della questione. Guardiacivica ha diffidato le compagnie a rinunciare qualsiasi azione diretta ad ostacolare il riconoscimento automatico dei rimborsi

Salute: una corretta illuminazione migliora comfort visivo

Sfarfallio, lampeggiamento e abbagliamento sono tra le cause più diffuse di fastidio agli occhi e alla vista causate da una scorretta illuminazione artificiale. Secondo una ricerca condotta a livello europeo da YouGov Plc per Signify (una delle più importanti aziende al mondo di illuminazione nota in precedenza come Philips Lighting) l’86% degli intervistati ritiene che una buona illuminazione contribuisca alla salute degli occhi e per il 77% aumenta la produttività quotidiana.
La maggior parte delle persone trascorre più di otto ore al giorno con la luce artificiale (58%) e davanti ad uno schermo lamentando, in caso di illuminazione insufficiente o cattiva, mal di testa (43%), visione sfocata (39%) e stanchezza e affaticamento agli occhi (57%). Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità una persona su due entro il 2050 sarà miope anche a causa del poco tempo trascorso alla luce naturale.
“L’illuminazione che utilizziamo quotidianamente può avere un impatto significativo sulla qualità della nostra vita – ha detto Andrew Stockman, professore all’Institute of Ophthalmology dell’ University College di Londra intervenendo all’evento di Signify a Milano -. Controllare il colore e l’intensità dell’illuminazione nel corso della giornata può ad esempio migliorare il nostro sonno, fondamentale per il benessere e la salute. Al contrario, la luce artificiale che sfarfalla e lampeggia può avere effetti deleteri sulla qualità della vita e portare a fastidio agli occhi, mal di testa e, raramente, a convulsioni”. “La scelta della giusta illuminazione è quindi molto importante”, ha concluso il professore.

Pa: dal 15 novembre turnover al 100% anche per gli statali

Via paletti dal 15 novembre: Ministero stima 150 mila assunzioni annue.
“Con lo sblocco completo delle sostituzioni di chi va in pensione abbiamo l’occasione di inserire tante forze fresche nella Pa senza costi aggiuntivi. Una chance unica per un rilancio della macchina dello Stato, nel segno della qualità e dell’innovazione”. Con queste parole il Ministro della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone annuncia in un post su Facebook lo sblocco completo del turn over nella Pa ed aggiunge:  “Nei prossimi tre anni immetteremo circa mezzo milione di persone”.

Asili nido. Accesso gratuito per le famiglie Italiane

Il rafforzamento del bonus per gli asili nido consentirà “la sostanziale gratuità degli asili nido per la grande maggioranza delle famiglie italiane, importante anche dal punto di vista del sostegno all’occupazione femminile. Si parlava della misura da settembre” ma scatterà “già dal primo gennaio”. Gualtieri ha poi ricordato che si prevede anche l’aumento dei posti al nido “oggi insufficienti in particolare nel Mezzogiorno”. In tutto nel triennio, ricorda si stanziano 2,8 miliardi in più per la famiglia.

GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ALCOLICA

La Corte di Cassazione, richiamando il principio generale secondo cui è l’accusa a dover provare i fatti costitutivi del reato, afferma che, ai fini della configurabilità della contravvenzione di guida sotto l’influenza dell’alcool, il verbale che documenta l’accertamento effettuato mediante etilometro deve contenere l’attestazione che l’apparecchio utilizzato è stato oggetto di omologazione, di visita primitiva con attestazione sul corretto funzionamento e di verifica periodica annuale.

Tumore colon-retto, Istituto Candiolo scopre proteina killer

La nuova frontiera della lotta ai tumori del colon-retto arriva dall’Istituto di Candiolo, in provincia di Torino. In collaborazione con il Sanger Institute di Cambridge, l’equipe guidata dai professori Livio Trusolino e Andrea Bertotti ha identificato una proteina responsabile della crescita di uno specifico tipo di cancro, aprendo la strada a una terapia farmacologica in grado di portare alla guarigione.

“Ogni tumore ha un tallone d’Achille, una vulnerabilità – spiega Trusolino – Dipende da una proteina per crescere”. Questa attività scientifica, i cui esiti sono stati pubblicati sulla rivista Nature, ha permesso ai ricercatori di capire che la proteina WRN, se disattivata, fa soffrire i tumori di tipo MSI. Un cancro con un’incidenza del 10% per il colon (53 mila nuove diagnosi l’anno in Italia) e di quasi un quarto tra le neoplasie allo stomaco.
“I tumori MSI sono caratterizzati da instabilità dei microsatelliti, piccole porzioni ripetute del DNA che iniziano a mutare se entrano in contatto con agenti cancerogeni – spiega Trusolino – Nei tumori MSI il DNA non è più in grado di riparare questi errori e genera proteine aberranti, responsabili della crescita del cancro”.

La ricerca scientifica oggi permette di individuare queste proteine e disattivarle una a una per capire quali possono portare la massa neoplastica alla regressione e alla morte. Per il cancro al polmone, ad esempio, i farmaci biologici riescono a risolvere il 10% dei casi, evitando cure più invasive.

Le cellule tumorali sono in grado di evolvere, al pari dei batteri.

Nonostante i notevoli passi avanti nella cura dei tumori, le recidive rimangono il problema maggiore per i pazienti oncologici. Fino ad oggi venivano considerate un fatto inevitabile: si pensava che la neoplasia contenesse fin dalla sua origine le cellule resistenti ai farmaci. Ma una scoperta dell’Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro di Candiolo ha cambiato l’intero paradigma, aprendo la strada a terapie più efficaci.
È l’esito di uno studio, finanziato dalla Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro, dall’Airc e pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Science, che ha integrato diverse discipline, come la biologia computazionale, l’anatomia patologica e l’oncologia medica. Al termine di tre anni di lavoro i ricercatori hanno avuto la loro conferma: le cellule tumorali sono in grado di evolvere, al pari dei batteri. Come questi ultimi sviluppano antibiotico-resistenza, anche il cancro se sollecitato da una terapia può mutare, ritornando in forma più aggressiva di prima.
“È la mutagenesi adattativa, un accumulo di mutazioni. Averla riscontrata anche nelle cellule tumorali è un passo avanti importante – spiega Alberto Bardelli, direttore del laboratorio di Oncologia molecolare all’IRCCS di Candiolo – È possibile che in futuro questa scoperta porti a una nuova ipotesi terapeutica. Si somministrerà un farmaco e poi durante la fase di risposta si interverrà con un secondo, per fermare le mutazioni di cui il tumore si dimostra capace”.

SEGGIOLINI ANTIABBANDONO: Il governo sta lavorando per posticipare a marzo 2020 l’avvio delle multe

Si va verso la proroga delle multe a marzo 2020 per chi non si adegua alla nuova normativa, in vigore dal 7 novembre, che prevede l’obbligo di dotarsi di un dispositivo antiabbandono per i seggiolini auto per bambini fino a 4 anni di età.

Il Mit ha pubblicato online una serie di risposte alle domande più frequenti sui dispositivi antiabbandono, alla luce evidentemente del caos che si è creato negli ultimi giorni sull’obbligatorietà della misura e soprattutto sulle sanzioni, che sono già operative. Il rinvio delle multe dovrebbe diventare definitivo con un emendamento al decreto fiscale collegato alla manovra, presentato dal Pd. Un’analoga misura è stata presentata anche dal Movimento 5 Stelle.

E gli incentivi? A breve dovrebbe arrivare qualche provvedimento che fa chiarezza su questo ulteriore aspetto, ovvero la possibilità di avere un rimborso di 30 euro per la spesa sostenuta.