Tumore al seno e TEST GENOMICO

Di tutte le donne che ogni anno si ammalano di tumore al seno – circa 54mila in Italia – solo il 20% di quelle con tumore sensibile agli ormoni trae in realtà reali benefici dalla chemioterapia post operatoria, mentre per il restante 80% questa non sarebbe necessaria. Il problema è identificare tali pazienti con precisione: oggi è possibile grazie ai test genomici, che eviterebbero dunque chemio inutili garantendo anche notevoli risparmi alla Sanità. La Legge di Bilancio 2021 ha previsto un Fondo da 20 mln di euro per garantirli gratuitamente in tutta Italia, ma mancano ancora i decreti attuativi. A fare il punto su questi esami molecolari sono gli oncologi, che li definiscono una “rivoluzione” nella cura del tumore al seno chiedendo che siano subito gratuiti su tutto il territorio nazionale.

DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE: la richiesta fatta dal Parlamento Europeo

Non si può e non si deve lavorare in modalità “sempre online”, come accade con il telelavoro e in pandemia. La prossima settimana il Parlamento europeo chiederà una legge che garantisca il diritto alla disconnessione Le nuove tecnologie e l’uso degli strumenti digitali offrono nuove opportunità al mondo del lavoro. E la pandemia ha accentuato il passaggio al lavoro a distanza e allo smartworking. Ma questo lavoro, così come è organizzato, rischia di non conoscere limiti. Il lavoratore digitale lavora sempre, è sempre di guardia. Lavora anche nel tempo libero. Sfumano i confini fra lavoro e vita privata. Per questo serve una direttiva europea sul diritto alla disconnessione, tema che il Parlamento europeo affronterà la prossima settimana.

leggi articolo – http://www.guardiacivica.it/dettaglionews.php?id_news=27116